domenica 6 aprile 2014

Lago Tana


Il varo del Lago Tana (g.c. Mauro Millefiorini via www.naviearmatori.net)
 
Incrociatore ausiliario, già motonave da carico da 783,01 tsl, lunga 69,72 metri, larga 9,8, pescaggio 3,8 (minimo)-5 (massimo) m, velocità 15 nodi. Matricola 189 al Compartimento Marittimo di Roma. Durante la guerra effettuò 273 missioni di guerra (176 di scorta, 50 di trasporto, 40 di trasferimento e 7 di altro tipo), percorrendo 37.296 miglia e passando 116 giorni ai lavori (o comunque fuori servizio).

Breve e parziale cronologia.

1939
Impostazione nei cantieri Tosi di Taranto.
1939
Varo nei cantieri Tosi di Taranto.
1940
Entrata in servizio come motonave da carico per la Società Anonima di Navigazione Eritrea (dal 10 aprile 1941 Società Anonima Esercizio Navigazione) di Roma. La nave, ordinata nel 1938 con la gemella Lago Zuai per effettuare servizio passeggeri lungo le coste dell’Eritrea, non vedrà mai le acque del Mar Rosso.
28 giugno 1940
Lascia Catania alle 13 con 200 tonnellate di benzina in fusti, da trasportare in Libia.
29 giugno 1940
Arriva a Tripoli alle 22.30: si tratta di uno dei primi, e per il momento indisturbati, viaggi verso la Libia di quella che diverrà nota come "battaglia dei convogli".
13 luglio 1940
Requisita dalla Regia Marina ed iscritta nel ruolo del naviglio ausiliario dello Stato (a partire dalle 8 del 13 luglio) con sigla D 22, come incrociatore ausiliario. Armata con due cannoni da 100/47 mm, 4 mitragliere da 20/65 mm e due scaricabombe per bombe di profondità.
Al comando dapprima del tenente di vascello Giuseppe Oxilia (che guadagnerà, al suo comando, due Medaglie di Bronzo al Valor Militare) e poi del tenente di vascello di complemento Corrado Schinko (un marittimo militarizzato, al pari della maggior parte dell'equipaggio), il Lago Tana viene adibito alla scorta di convogli.
Il comandante Schinko, polesano, aveva combattuto contro l’Italia nell’Imperialregia Marina Austroungarica durante la prima guerra mondiale: aveva anche preso parte ad un tentativo di colpo di mano ad Ancona nell’aprile 1918, quando un drappello austroungarico era sbarcato segretamente ad Ancona per tentare di catturare un’unità italiana, ma era stato catturato con tutti i suoi compagni ed era finito in prigionia. Finita la guerra, con l’annessione dell’Istria all’Italia, aveva cambiato il suo nome Konrad in Corrado ed aveva navigato sotto bandiera italiana come capitano mercantile per molti anni, per poi essere richiamato alle armi con l’entrata in guerra.
21 ottobre 1940
Il Lago Tana viene assegnato al ricostituito Comando Superiore Traffico Albania (Maritrafalba, già operativo dal 5 settembre al 12 ottobre 1940 ma senza che il Lago Tana vi fosse assegnato), insieme a numerose altre unità (cacciatorpediniere Carlo Mirabello ed Augusto Riboty, torpediniere Confienza, Curtatone, Solferino, Castelfidardo, Calatafimi, Monzambano, Generale Antonio Cantore, Generale Marcello Prestinari, Nicola Fabrizi e Giacomo Medici, incrociatori ausiliari Lago Zuai, Capitano A. Cecchi e RAMB III, MAS 534, 535, 538 e 539), e viene dislocato a Brindisi, per essere impiegato in compiti di scorta e convogli sulle rotte tra Italia ed Albania (e, successivamente, Grecia).
28 ottobre 1940
Lascia Brindisi alle 6.35 unitamente all’anziana torpediniera Giacomo Medici, scortando a Valona un convoglio formato dai piroscafi Argentina e Tagliamento e dalla motonave Città di Trapani. Il convoglio arriva a Valona alle 15 dello stesso 28 ottobre, dopo aver eluso, al largo di Brindisi, un attacco (non accertato) da parte del sommergibile greco Papanikolis.
13 novembre 1940
Lascia Bari all’1.45 insieme all’anziana torpediniera Confienza, di scorta ad un convoglio composto dal piroscafo Olimpia e dalla motonave Birmania, carichi di 799 veicoli. Le navi arrivano a Durazzo alle 8.30.
22 novembre 1940
Il Lago Tana e la torpediniera Calatafimi salpano da Brindisi alle 5.40 scortando il piroscafo Firenze e la motonave da carico Barbarigo, aventi a bordo 781 uomini, 38 quadrupedi e 59 tonnellate di materiali. Il convoglio giunge a Durazzo alle 11.45.
24 novembre 1940
Il Lago Tana e le torpediniere Curtatone e Generale Marcello Prestinari partono da Brindisi alle 6, scortando le motonavi ViminaleCittà di Agrigento e Città di Savona ed il piroscafo Monrosa, che trasportano il primo scaglione della Divisione Alpini «Pusteria» (in tutto 2524 uomini, 917 quadrupedi, dodici veicoli, 274 tonnellate di carrette ed altri materiali, tra cui del foraggio). Il convoglio raggiunge Valona alle 16.30.
Inizio 1941
Assegnato alla scorta di convogli per l’Africa Settentrionale.
25 gennaio 1941
Lascia Napoli di scorta ai piroscafi tedeschi Duisburg ed Ingo. Il convoglio sosta a Palermo, poi riparte alle 7 del 26 gennaio diretto a Tripoli, dove dovrebbe arrivare alle 9 del 28. A Trapani il Lago Tana viene rilevato dal più grande incrociatore ausiliario Caralis, che non potrà però impedire che l’Ingo sia affondato da un attacco di aerosiluranti, ed il Duisburg gravemente danneggiato dal sommergibile britannico Upholder.
28 febbraio 1941
Salpa da Palermo alle 20 di scorta alla motonave cisterna Rondine, diretta a Tripoli. Il Lago Tana scorta la petroliera solo fino a Trapani; da lì la Rondine prosegue per Tripoli, dove arriverà alle tre di notte del 3 marzo, scortata da varie altre unità.
16 marzo 1941
Il Lago Tana (tenente di vascello Giuseppe Oxilia) salpa da Catania per scortare a Gallipoli e Bari i piroscafi Boccaccio (con a bordo 2000 tonnellate di zolfo), Maddalena G. e Valsavoia.
Alle 11.20 il fumo prodotto dalle navi del convoglio viene avvistato dal sommergibile britannico Parthian (capitano di corvetta Michael Gordon Rimington), che mezz’ora dopo avvista anche le navi, identificando il Lago Tana (dapprima scambiato per un incrociatore) per una nave “tipo sloop o corvetta”. Alle 12.39, nel punto 37°57’ N e 15°40’ E (nel Mar Ionio, al largo di Capo dell’Armi) il Parthian lancia tre siluri contro il primo mercantile del convoglio, da 1920 metri di distanza, seguiti alle 12.41 da altri tre siluri diretti contro il Valsavoia (scambiato, avendo il fumaiolo a poppa, per una petroliera) da una distanza di 915 metri.
Il Lago Tana avvista una scia di siluro e poi altre tre; dà immediatamente l’allarme e poi accosta, evitando un siluro che gli passa a proravia e gli altri che gli passano a poppavia. Il Boccaccio, tuttavia, viene colpito da un siluro, con tre feriti tra l’equipaggio e gravi danni che costringono a portarlo ad incagliare presso Melito di Porto Salvo.
Intanto, il Lago Tana risale le scie dei siluri e lancia prima cinque e successivamente altre sette di profondità (tre delle quali non esplodono) sulla posizione presunta dell’attaccante; in effetti le ultime due bombe del primo attacco esplodono molto vicine al Parthian, scuotendolo violentemente, e poi anche le sette della seconda scarica esplodono molto vicine al battello britannico, il quale tuttavia non subisce danni. Il Lago Tana prosegue la caccia per alcune ore, ma senza avere più contatto, ed entro le 15.45 la caccia può dirsi conclusa.
L’avvistamento di una chiazza di carburante affiorata in superficie induce erroneamente a ritenere che il sommergibile sia stato danneggiato; per quest’azione sette membri dell’equipaggio del Lago Tana (il guardiamarina Italo Fonda, il direttore di macchina sottotenente D.M. Giobatta Origone, i nocchieri di seconda classe Antonino Balletta ed Alvaro Della Latta, il secondo capo radiotelegrafista Gianfranco Pavesi Negri, il sergente segnalatore Cesare Minelli ed il marinaio scelto Vito Scorcia) vengono decorati con la Croce di Guerra al Valor Militare.
Il convoglio, intanto, prosegue verso la destinazione con il rinforzo della torpediniera Giuseppe Dezza; il Boccaccio potrà essere disincagliato e rimorchiato a Reggio Calabria il 25 marzo dai rimorchiatori Littorio, Impero e Titan.
 
Distintivo del Lago Tana commemorante l’azione del 16 marzo 1941 (g.c. Carlo Di Nitto via www.naviearmatori.net)
27 settembre 1941
Alle 13.10 il Lago Tana, mentre scorta verso ovest un mercantile nei pressi di Capo Milazzo, viene avvistato in posizione 38°20’ N e 15°18’ E dal sommergibile britannico Upright (tenente di vascello John Somerton Wraith), che alle 13.45 lancia due siluri da 1645 metri: entrambe le armi mancano il bersaglio, a causa della sottostima della reale velocità delle navi da parte del comandante britannico.
Il Lago Tana, dopo aver avvistato i siluri, contrattacca con il lancio di sette bombe di profondità, ma nessuna di queste esplode vicino all’Upright, che si è frattanto immerso a 21 metri ed ha modificato la rotta.
23 febbraio 1942
Alle 18.40 parte da Pantelleria per scortare a Lampedusa le motozattere tedesche F 152, F 154, F 156 e F 158, giunte da Palermo cariche di carri armati urgentemente richiesti dall’Afrika Korps, ma nonostante vi siano solo vento forza 2-3 da sud e mare forza 4, le motozattere, sovraccariche e la cui già scarsa tenuta del mare è stata ulteriormente ridotta dai danni causati nei giorni precedenti dal mare mosso, alle 21.40 devono invertire la rotta per tornare a Pantelleria, giungendovi alle 23.55 e ponendovisi all’ancora.
24 febbraio 1942
Lago Tana e motozattere lasciano di nuovo Pantelleria alle 18.30, giungendo (nonostante vento forza 2 da nordest e mare notevolmente mosso) a Lampedusa, da dove le motozattere proseguono da sole verso Tripoli.
1° aprile 1942
Il Lago Tana, insieme al cacciatorpediniere Aviere, alle torpediniere Libra, Pallade e Centauro ed alla nave soccorso Capri, partecipa alle operazioni di soccorso dei naufraghi dell’incrociatore leggero Giovanni delle Bande Nere, silurato ed affondato dal sommergibile britannico Urge alle 8.54, in posizione 38°37’5” N e 15°22’ E. In tutto vengono salvati 391 uomini, su 772 che erano imbarcati sul Bande Nere.
1° ottobre 1942                                                                                                                                      Il Lago Tana e la torpediniera Circe posano una boa sul Banco Avventura (zona di fondali profondi meno di 100 metri, tra Pantelleria e Capo Lilibeo) in preparazione della posa in questa zona, da effettuarsi l’indomani, dello sbarramento di mine «S 61». 
 
Il Lago Tana od il gemello Lago Zuai a Palermo nel 1941 (g.c. Coll. Domenico Iacono via www.betasom.it)

L’affondamento

Alle 22 del 16 novembre 1942 il Lago Tana, al comando del tenente di vascello di complemento Corrado Schinko, lasciò Trapani diretta a Tripoli (dove avrebbe dovuto trasportare dei rifornimenti), via Pantelleria e Lampedusa. 
La nave raggiunse Pantelleria alle 15 del 17 novembre e vi sostò fino alle otto del mattino del 20 novembre, quando ripartì facendo rotta su Lampedusa, dove doveva trasportare 127 militari delle varie Armi di rinforzo per il presidio dell’isola. Due ore dopo la partenza da Pantelleria, tuttavia, il Lago Tana venne avvistato da un ricognitore nemico, e tra le 12.05 e le 12.35 fu attaccato da aerei alleati: si trattava di cacciabombardieri Bristol Beaufighter del 227th Squadron della Royal Air Force, guidati dal capitano (Flight Lieutenant) statunitense Carl Johnson, che la colpirono con un siluro, incendiandola e rendendola inutilizzabile. Secondo il racconto dei sopravvissuti, la nave venne improvvisamente attaccata da otto quadrimotori, bombardata e mitragliata; di tutto l’armamento del Lago Tana, solo una mitragliera ebbe il tempo di rispondere al fuoco. Molti dei 217 uomini a bordo rimasero uccisi o feriti, e la motonave fu rapidamente ridotta in condizioni tali che il comandante Schinko, giudicando ormai impossibile salvarla, ordinò di abbandonare la nave.
Quando gli uomini cercarono di mettere a mare le zattere e le scialuppe, però, le trovarono tutte crivellate di colpi ed inutilizzabili, perché erano state colpite quando la Lago Tana era stata mitragliata dagli aerei, nel corso dell’attacco. Gli uomini dovettero ugualmente abbandonare la nave, che stava sbandando ed era avvolta dalle fiamme, perciò si gettarono in mare o calarono ugualmente tutte le lance e le zattere disponibili, che tuttavia, per i danni, si allagarono ed affondarono subito. 
Più tardi, alle 14.55, un nuovo attacco aereo, da parte di tre aerosiluranti Bristol Beaufort guidati dal tenente colonnello (Wing Commander) Graine, diede il colpo di grazia al piccolo incrociatore ausiliario, che, colpito ancora intorno alle 16, resistette comunque fino a dopo il tramonto prima di affondare in posizione 36°04’ N e 12°02’ E, tra Pantelleria e Lampedusa.
Gli equipaggi dei tre Beaufort, che avevano trovato la nave ancora fumante, rivendicarono di aver messo a segno tutti e tre i siluri, dopo di che il Lago Tana fu avvolto da fiamme altissime ed iniziò ad affondare; notarono anche l’equipaggio della nave italiana andare alle scialuppe.
I naufraghi, in larghissima parte feriti, senza una sola imbarcazione intatta, rimasero in acqua senza galleggianti su cui porsi in salvo, e scomparvero quasi tutti.
Da parte italiana si ebbe contezza che qualcosa fosse accaduto al Lago Tana alle 16.40 di quel 20 novembre, quando un velivolo dell'Armata Aerea segnalò di aver avvistato una nave sbandata ed in fiamme 40 miglia a nordovest di Lampedusa. Da Pantelleria vennero immediatamente fatti salpare un MAS e la nave soccorso Capri, che diressero sul punto della segnalazione. 
Il Lago Tana aveva a bordo 90 uomini di equipaggio e 127 militari diretti a Lampedusa: i sopravvissuti furono soltanto due, recuperati dalla Capri. Il MAS non trovò alcun sopravvissuto. 
Nei giorni seguenti 55 salme vennero recuperate dal mare o depositate dalle onde sulle spiagge di Lampedusa. Soltanto 16 erano riconoscibili.
Tra le vittime vi furono il comandante Schinko, la cui salma  una delle poche identificate  fu inumata nel Sacrario di Cristo Re a Messina, ed il direttore di macchina, il capitano del Genio Navale Giobatta Origone.

Caduti tra l’equipaggio militare del Lago Tana:

Dante Alighieri, camicia nera della MILMART, deceduto
Mario Amidani, capo radiotelegrafista di terza classe, deceduto
Giuseppe Ammirata, marinaio cannoniere, disperso
Antonio Balletta, guardiamarina, disperso
Giovanni Bellantoni, sottocapo nocchiere, disperso
Flaviano Berio, marinaio elettricista, disperso
Mario Bielli, sergente furiere, deceduto
Lodovico Bogaro, sottocapo motorista, disperso
Antonio Bonaccorso, marinaio cannoniere, disperso
Augusto Bradaschia, sottocapo motorista, disperso
Cosimo Cacicia, marinaio, disperso
Francesco Calabrò, marinaio, disperso
Ennio Campanini, marinaio motorista, disperso
Matteo Cappadonia, marinaio cannoniere, disperso
Gaetano Caruso, marinaio fuochista, deceduto
Francesco Castro, marinaio, disperso
Aristide Cecchini, marinaio segnalatore, disperso
Gino Cecchini, marinaio cannoniere, disperso
Francesco Centrangolo, sottocapo radiotelegrafista, disperso
Achille Cimino, marinaio cannoniere, disperso
Costante Cionini, secondo capo motorista, deceduto
Antonio Cortinovis, marinaio, disperso
Salvatore Cusmano, marinaio, deceduto
Antonio D’Agostino, secondo capo cannoniere, deceduto
Paolo D’Agostino, marinaio, disperso
Vincenzo De Michele, marinaio cannoniere, disperso
Andrea Desco, capo nocchiere di seconda classe, disperso
Nicola Di Ciero, marinaio, disperso
Michele Di Giorgio, sottocapo furiere, disperso
Vito Di Giovanni, marinaio, disperso
Aurelio Faldelli, marinaio elettricista, disperso
Luigi Fracassi, marinaio cannoniere, disperso
Nicola Furio, sottocapo motorista, disperso
Giovanni Ghersini, marinaio, disperso
Lelio Giorgi, capo meccanico di seconda classe, disperso
Milano Granata, marinaio cannoniere, disperso
Carmelo Grosso, marinaio, disperso
Antonio Gussio, marinaio cannoniere, disperso
Giuseppe Iacono, marinaio cannoniere, disperso
Salvatore Ingrao, marinaio cannoniere, disperso
Francesco Livigni, marinaio fuochista, disperso
Agatino Lo Giudice, marinaio, disperso
Virginio Maioli, marinaio torpediniere, disperso
Francesco Maltese, marinaio, disperso
Nicola Marolla, marinaio motorista, deceduto
Vincenzo Marotta, marinaio, disperso
Giorgio Martelli, marinaio cannoniere, disperso
Giuseppe Martello, sergente cannoniere, disperso
Arnaldo Marzano, marinaio, disperso
Orazio Mirabella, sottocapo torpediniere, disperso
Edoardo Monti, marinaio cannoniere, disperso
Nello Natali, sottocapo elettricista, disperso
Giobatta Origone, capitano del Genio Navale (direttore di macchina), disperso
Pasquale Panetta, marinaio cannoniere, disperso
Trento Pellegrini, sottocapo cannoniere, disperso
Giacomo Pellegrino, sottocapo nocchiere, disperso
Pasquale Pernice, sottocapo cannoniere, disperso
Felice Pesce, secondo capo motorista, disperso
Felice Pesce, sottocapo segnalatore, disperso
Rocco Petronio, sottocapo nocchiere, disperso
Giuseppe Piccirillo, marinaio cannoniere, disperso
Giuseppe Picheo, marinaio cannoniere, disperso
Giovanni Pinto, guardiamarina, deceduto
Rosario Piromalli, secondo capo meccanico, deceduto
Alfonso Postiglione, marinaio, deceduto
Antonio Quatraccioni, sottocapo carpentiere, disperso
Carlo Rizzo, marinaio, disperso
Romolo Romani, sergente motorista, disperso
Giuseppe Saccà, marinaio radiotelegrafista, disperso
Corrado Schinko, tenente di vascello (comandante), deceduto
Nicola Soldano, sottocapo motorista, disperso
Felice Spadaro, marinaio, disperso
Giuseppe Spartà, marinaio, disperso
Alfio Stanchina, sottocapo infermiere, disperso
Lorenzo Stella, marinaio radiotelegrafista, disperso
Angelo Trani, marinaio motorista, disperso
Giovanni Vianello, secondo capo motorista, disperso
Antonio Viganò, marinaio, disperso
Pietro Zampaglione, marinaio, disperso
Giuseppe Zanin, marinaio motorista, deceduto
Natale Zappaterra, sottocapo radiotelegrafista, disperso
Antonio Zoppi, secondo capo segnalatore, deceduto

Dagli elenchi dei caduti e dispersi della Marina risultano anche i nominativi di almeno 50 componenti della Milizia Artiglieria Marittima (MILMART), una branca della M.V.S.N. incaricata della difesa costiera (in particolare, del presidio ed impiego delle batterie costiere), deceduti o dispersi nel Mediterraneo Centrale il 20 novembre 1942: non viene per essi indicato il nome del Lago Tana, ma dal momento che questa fu l’unica nave italiana affondata il 20 novembre 1942, e che gran parte del presidio di isole come Lampedusa era composto da personale della MILMART, sembra quasi certo che essi fossero tra i 127 militari diretti a Lampedusa imbarcati sul Lago Tana e scomparsi quasi al completo. I loro nomi:

Vitaliano Aloe, camicia nera della MILMART di Messina, disperso
Gaetano Amara, camicia nera della MILMART di Lampedusa, deceduto
Agostino Atanasio, camicia nera della MILMART di Messina, disperso
Michele Balzano, camicia nera della MILMART di Messina, disperso
Giuseppe Bellomo, camicia nera della MILMART di Messina, disperso
Carmelo Biondo, camicia nera della MILMART di Messina, disperso
Giovanni Brugnoni, camicia nera della MILMART di Trapani, disperso
Giuseppe Buscemi, camicia nera della MILMART di Lampedusa, disperso
Gaetano Capone, camicia nera della MILMART di Messina, disperso
Rosario Carbone, camicia nera della MILMART di Messina, disperso
Santi Cardia, camicia nera della MILMART di Messina, disperso
Carmelo Carpinteri, camicia nera della MILMART di Lampedusa, disperso
Filippo Cassaro, camicia nera della MILMART di Napoli, disperso
Antonio Cicero, camicia nera della MILMART di Messina, disperso
Cesare Cirillo, camicia nera della MILMART di Messina, disperso
Antonino Cordaro, camicia nera della MILMART di Messina, disperso
Domenico Coviello, camicia nera della MILMART di Messina, disperso
Pietro D’Aleo, camicia nera della MILMART di Messina, disperso
Antonio D’Andrea, vice capo squadra della MILMART di Messina, disperso
Gennaro De Grazio, camicia nera della MILMART di Messina, disperso
Antonio Di Troia, camicia nera della MILMART di Messina, disperso
Sofia Nicola Diolosà, camicia nera della MILMART di Messina, disperso
Raffaele Donadio, camicia nera della MILMART di Messina, disperso
Pasquale Fattorino, camicia nera della MILMART di Messina, disperso
Luigi Festa, camicia nera della MILMART di Messina, disperso
Donato Grieco, camicia nera della MILMART di Messina, disperso
Pietro Lalomia, camicia nera della MILMART di Trapani, disperso
Santo Gaetano Maghenzani, camicia nera della MILMART di Trapani, disperso
Carmelo Santo Mallamaci, camicia nera della MILMART di Reggio Calabria, disperso
Renzo Marino, centurione della MILMART di Lampedusa, disperso
Renato Masiello, camicia nera della MILMART di Siracusa, disperso
Vincenzo Migliocco, camicia nera della MILMART di Messina, disperso
Vito Moceri, camicia nera della MILMART di Lampedusa, disperso
Guido Mollo, camicia nera della MILMART di Trapani, disperso
Francesco Morfino, camicia nera della MILMART di Pantelleria, disperso
Nicolò Pace, camicia nera della MILMART di Lampedusa, deceduto
Giuseppe Patrian, capo squadra della MILMART di Messina, disperso
Antonio Penna, camicia nera della MILMART di Siracusa, disperso
Giuseppe Ristuccia, camicia nera della MILMART di Lampedusa, disperso
Gaetano Salemi, camicia nera della MILMART di Messina, disperso
Silvio Santinato, camicia nera della MILMART di La Spezia, disperso
Francesco Sperandeo, capo squadra della MILMART di Lampedusa, disperso
Bruno Strati, camicia nera della MILMART di Messina, disperso
Nicola Tripaldi, camicia nera della MILMART di Reggio Calabria, disperso
Alfredo Tutone, camicia nera della MILMART di Napoli, disperso
Vincenzo Undiemi, camicia nera della MILMART di Messina, disperso
Ignazio Vaccaro, camicia nera della MILMART di Siracusa, disperso
Vincenzo Votta, camicia nera della MILMART di Lampedusa, disperso
Salvatore Zappalà, camicia nera della MILMART di Messina, disperso
Pasquale Zollo, camicia nera della MILMART di Messina, disperso


4 commenti:

  1. La nave Lago Zuai é senz'altro a Palermo.

    RispondiElimina
  2. Tutto quello che posso riportarvi sono i pochi ricordi riportati da nio nonno il Com Giuseppe Oxilia, diceva sempre che non avrebbe voluto lasciare la sua nave e i suoi uomini, visto purtroppo il triste epilogo, uno dei marinai gli disse "Comandante non ci lasci, resti con noi... è morto con questo triste pensiero nel suo uore,

    RispondiElimina