domenica 9 novembre 2014

Salpa



Il Salpa subito dopo il varo (Coll. Marcello Risolo, via www.naviearmatori.net

Sommergibile di piccola crociera della classe Argonauta (650 tonnellate di dislocamento in superficie e 800 in immersione). In guerra svolse 11 missioni offensive ed esplorative e 4 di trasferimento, percorrendo 9087 miglia in superficie e 1668 in immersione.

Breve e parziale cronologia.

23 aprile 1930
Impostazione nei cantieri Franco Tosi di Taranto.
8 maggio 1932
Varo nei cantieri Franco Tosi di Taranto.
12 dicembre 1932
Entrata in servizio.
1933
Insieme al capoclasse Argonauta ed al gemello Fisalia, compie una crociera d’addestramento in Dodecaneso, facendo vari scali, durante il ritorno, in Libia.
1936
Dislocato in Mar Rosso per qualche mese, insieme al gemello Serpente, per verificare l’idoneità dei battelli della classe Argonauta ad operare in quelle acque.
Successivamente dislocato, assieme al Serpente, dapprima in Mar Egeo e successivamente a Tobruk.
10 giugno 1940
Alla data dell’entrata dell’Italia nella seconda guerra mondiale, il Salpa appartiene alla XLV Squadriglia Sommergibili (IV Grupsom di Taranto), che forma insieme al gemello Serpente (per altra fonte, però, allo scoppio della guerra i due battelli facevano parte del Gruppo Sommergibili di Tobruk).
Dopo la dichiarazione di guerra l’unità (CC Antonio Biondo) lascia Taranto e viene inviata al largo dell’isola di Gaudo (vicino a Creta), andando a formare uno sbarramento a sud di Gaudo insieme ai sommergibili Alpino Bagnolini, Capitano Tarantini e Reginaldo Giuliani (posizionati a circa 20 miglia l’uno dall’altro). Il Salpa è l’unico a non avvistare nulla.
16 giugno 1940
Rientra alla base senza aver incontrato navi nemiche.
29 giugno 1940
Il Salpa, in missione offensiva nelle acque di Derna, viene attaccato dai cacciatorpediniere britannici Dainty, Defender ed Ilex (la Forza «B»), in mare per un rastrello antisommergibile a protezione dell’operazione britannica «MA. 3» (invio di convogli tra Malta, l’Egitto e la Grecia) e già autori, nei giorni precedenti, degli affondamenti dei sommergibili italiani Console Generale Liuzzi ed Uebi Scebeli (e forse anche dell’Argonauta, capoclasse della classe stessa del Salpa). L’incontro non è casuale: alcuni marinai del Dainty, infatti, prima che l’Uebi Scebeli affondasse, sono saliti a bordo ed hanno catturato vari documenti, uno dei quali riporta che il Salpa si trova in agguato nel punto 33°46’ N e 23°10’ E, così la Forza B si è conseguentemente diretta verso la posizione indicata. Il Salpa viene avvistato da un aereo antisommergibile e poi sottoposto a precisa e pesante caccia con bombe di profondità (specie dal Dainty), riportando seri danni ed avarie, ma riesce a raggiungere Bengasi, dove vengono effettuate alcune riparazioni provvisorie.
19 luglio 1940
Lascia Bengasi alla volta di Taranto, dove riceverà lavori di riparazione più estesi.
21-30 dicembre 1940
Compie una missione di agguato protettivo nel canale d’Otranto, a difesa del traffico convogliato tra l’Italia e l’Albania.
31 marzo-14 aprile 1941
Compie un’altra missione di agguato protettivo nel canale d’Otranto, a difesa del traffico convogliato tra l’Italia e l’Albania.
3 febbraio 1941
Il Salpa, mentre procede da Augusta verso Derna durante la navigazione di avvicinamento al suo settore d’agguato (sito nelle acque di Marsa Matruh), avvista dei cacciatorpediniere impegnati in ricerca sistematica antisommergibile, che lo localizzano e lo bombardano pesantemente con cariche di profondità, costringendolo a tornare alla base a seguito del danneggiamento degli accumulatori delle batterie.
 
Ufficiali e marinai in tenuta coloniale sul Salpa in arrivo a Massaua nel 1936 (Coll. Giovanni Celeste, via www.associazione-venus.it)

Duello tra sommergibili

Il 18 giugno 1941 il Salpa, al comando del tenente di vascello Renato Guagni, partì da Messina diretto nella propria zona d’agguato, situata tra Ras Uleima (Golfo di Sollum) e Marsa Matruh, con il compito di attaccare il traffico nemico nelle acque costiere della Cirenaica; era previsto che il sommergibile sarebbe giunto nel proprio settore operativo nella notte del 21 giugno, per poi trattenervisi fino alla sera del 30 giugno.
Come fin troppi altri battelli, però, il Salpa non rispose più alle chiamate radio dopo la sua partenza. Alla fine ci si dovette rassegnare: il sommergibile ed i suoi 49 uomini di equipaggio erano stati inghiottiti dal Mediterraneo. Il 20 luglio 1941 gli uomini del Salpa furono dichiarati dispersi.
La verità, come sovente, venne dopo la guerra dagli archivi britannici. Alle otto del mattino del 27 giugno 1941 il sommergibile britannico Triumph (capitano di corvetta Wilfrid John Wentworth Woods, che per l’azione ricevette poi il Distinguished Service Order, mentre il suo secondo Richard Gatehouse ebbe la Distinguished Service Cross), mentre si trovava immerso al largo di Marsa Matruh, aveva avvistato il Salpa in superficie a 1800 metri di distanza. Le manovre del sommergibile italiano impedivano a quello britannico di attaccare con il siluro stando immerso, così, alle 8.11, il Triumph era emerso ed aveva aperto il fuoco con cannone e mitragliere Lewis da 1370 metri. Anche sul Salpa i serventi avevano armato il pezzo, ma dopo aver sparato cinque colpi che erano caduti tutti lunghi avevano abbandonato il cannone ed erano scesi sottocoperta. Il Triumph aveva sparato 33 colpi, mettendone a segno cinque e giungendo quasi ad immobilizzare il Salpa, che aveva iniziato ad affondare di poppa; alle 8.18 l’unità britannica aveva lanciato due siluri da appena 550 metri. La seconda delle due armi era andata a segno, ed il Salpa era scomparso in un’enorme colonna di fumo ed acqua, dopo di che i rottami erano piovuti su tutta l’area circostante. Quando tutto si era diradato, solo una grossa chiazza di nafta era apparsa in superficie: nessun sopravvissuto era in vista. Il Salpa era affondato nel punto 32°05’ N e 28°47’ E (o 26°47’ E), portando con sé tutto l’equipaggio.


Perirono con il Salpa:

Romeo Alessi, sottocapo
Giordano Anderbegani, capo di seconda classe
Nando Benecchi, sottocapo
Domenico Bergotes, comune
Lionello Bertani, comune
Giuseppe Biondi, secondo capo
Felice Caimi, comune
Aniello Cammisa, sottocapo
Catello Castellano, comune
Antonio Ciccone, comune
Cito Citi, comune
Crispoldo Crispoldi, capo di prima classe
Alberto Di Filato, comune
Cosimo Elia, comune
Giovanni Fannio, sottocapo
Cleto Federighi, capo di seconda classe, 34 anni, da Pescia
Alessandro Filippi, capo di seconda classe
Antonio Fintar, capo di seconda classe
Angelo Galderisi, capo di seconda classe
Mario Gatti, capo di seconda classe
Renato Guagni, tenente di vascello (comandante), 30 anni, da San Marco dei Cavoti
Antonio Kosmina, sergente
Corrado La Forgia, comune
Armando Lagi, comune
Giuseppe Liguoro, comune, 20 anni, da Torre del Greco
Mauro Magarelli, comune
Guido Merli, sottocapo
Piero Mocilio, sottocapo
Salvatore Morello, comune
Alfredo Neri, comune
Renzo Paganelli, sottocapo, 24 anni, da Cinisello Balsamo
Deris Paladini, capo di seconda classe
Raffaele Palazzo, sottocapo
Leo Petaccini, comune
Antonio Piazzolla, sottocapo
Antonio Pintar, secondo capo
Giovanni Premuda, sottotenente di vascello
Rino Prendin, comune
Duilio Ridi, comune
Giovanni Rosini, guardiamarina
Umberto Scognamiglio, comune
Manlio Scorsolini, sottocapo
Idilio Tanganelli, capo di seconda classe
Luigi Traina, tenente del Genio Navale
Domizio Valsecchi, comune
Ugo Vassallo, sottocapo
Lorenzo Veccia, comune, 19 anni, da Cupra Marittima
Carlo Villa, comune
Giuseppe Viscogliesi, sottocapo
Manlio Vittori, sottotenente di vascello

L’affondamento del Salpa nel giornale di bordo del Triumph (da Uboat.net):

“0800 hours - A surfaced submarine was sighted about 2000 yards away. As the enemy manoeuvring made it impossible to make a submerged torpedo attack Triumph surfaced at 0811 hours and opened fire with the deck and Lewis guns from 1500 yards.
The enemy also manned his deck gun. After firing 33 rounds (with 5 hits) the enemy was almost stopped and appeared to be sinking by the stern. The enemy's gun crew, after firing five rounds that all went over, abandoned their gun and went below.
0818 hours - Fired two torpedoes from 600 yards. The second torpedo hit the enemy submarine. An enormous column of smoke and water shot into the air and debris showered all round. A large pool of oil appeared but no survivors were seen in the water.”
 
Un’altra immagine del Salpa in arrivo a Massaua nel 1936 (Coll. Giovanni Celeste, via www.associazione-venus.it)

2 commenti:

  1. I seguenti nominativi non sono nel data base di ONORCADUTI e nell'Albo d'Oro della Marina militare: Di Filato Fintar e Galdi. Di Filato è da sostituire con Di Pilato. Mancano nell'elenco Biondi Giuseppe, Galderisi Angelo, Pintar Antonio e Valsecchi Domizio. In totale morirono il Comandante, 4 Ufficiali e 44 Sottufficiali, Sottocapi e Comuni.In totale 49 (fonte Albo d'Oro della MMI e ONORCADUTI)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La ringrazio per la segnalazione; correggerò la pagina al mio rientro.

      Elimina