sabato 16 luglio 2016

Iseo

L’Iseo (g.c. W. Duncan via www.hhtandn.org

Piroscafo da carico da 2366 tsl, 1349 tsn e 2990 tpl, lungo 86,87 metri, largo 12,8 e pescante 5,8, con velocità massima 10 nodi. Appartenente alla Società Anonima di Navigazione Adriatica, iscritto con matricola 363 al Compartimento Marittimo di Trieste; nominativo internazionale IBMQ, nome in codice «Impiego».

Breve e parziale cronologia.

Maggio 1918
Varato dai cantieri William Gray e Co. Ltd. di West Hartlepool (numero di cantiere 901) come War Shell (II).
Luglio 1918
Completato come carboniera War Shell per lo Shipping Controller di Londra (organismo del governo britannico); in gestione a S. Hogg & Co. Si tratta di una nave da carico standard tipo “D”, uno dei molti tipi di navi da carico standardizzate costruite durante la prima guerra mondiale per velocizzare la costruzione e rimpiazzare rapidamente le perdite causate dagli U-Boote. Stazza lorda originaria 2346 tsl.
1919 (o 1920)
Acquistato dalla Navigazione Generale Italiana, con sede a Genova, e ribattezzato Brenta.
1923
Acquistato dalla Società Italiana di Servizi Marittimi, con sede a Genova, e ribattezzato Iseo.
1932
Acquistato dal Lloyd Triestino, con sede a Trieste.
1937
Trasferito alla Società Anonima di Navigazione Adriatica, con sede a Venezia. Viene posto in servizio sulla linea n. 60 Adriatico-Mar Nero.
24 agosto 1939
Cessa il servizio sulla linea 60 ed inizia ad effettuare una serie di viaggi straordinari, alternati a periodi di parziale disarmo a Trieste, Venezia e Bari.
Febbraio 1941
Noleggiato dal Ministero della Marina.
5 marzo 1941
L’Iseo parte scarico da Valona per Brindisi alle 7.30, in convoglio con i piroscafi Fertilia e Luigi Martini, scortati dalla torpediniera Giuseppe Cesare Abba. Il convoglio giunge a Brindisi alle 18.30.
11 marzo 1941
L’Iseo salpa da Brindisi per Valona alle 6.15, in convoglio con i piroscafi Silvano, Fanny Brunner e Santa Maria. Le navi, aventi a bordo 80 militari, 496 quadrupedi, 2773 tonnellate di provviste, 1202 tonnellate di munizioni e 1082 tonnellate di materiali, sono scortate dall’anziano cacciatorpediniere Augusto Riboty; arrivano a Valona alle 15.30.
21 marzo 1941
L’Iseo ed il piroscafo Diana, scarichi, lasciano Valona alle 12.30, scortati dall’incrociatore ausiliario Francesco Morosini; il convoglio giunge a Brindisi alle 22.20.
27 marzo 1941
Parte da Brindisi per aggregarsi, in un punto prestabilito “Y”, ad un convoglio partito da Bari (piroscafo Caterina ed incrociatore ausiliario Brioni, più il piroscafo Stampalia partito anch’esso da Brindisi) e diretto a Valona. L’Iseo non riesce tuttavia a trovare il convoglio, così ritorna a Brindisi.
28 marzo 1941
Riparte da Brindisi alle 22, stavolta in convoglio con il piroscafo Silvano e la piccola nave frigorifera Genepesca II, scortati dalla torpediniera Abba. Il carico del convoglio assomma a 529 quadrupedi, 277,5 tonnellate di carne congelata e 1321 tonnellate di viveri vari, oltre ad 80 uomini.
29 marzo 1941
Il convoglio giunge a Valona alle 7.
12 aprile 1941
L’Iseo ed i piroscafi Avionia e Favorita, vuoti, partono da Valona alle 12.45 diretti a Brindisi, con la scorta della torpediniera Solferino.
13 aprile 1941
Il convoglio giunge a Brindisi alle 6.30.
19 aprile 1941
L’Iseo, i piroscafi Vesta e Sagitta e la motonave Tergestea salpano da Bari per Durazzo alle 22.30, scortati dall’incrociatore ausiliario Brioni. Il carico del convoglio è composto in tutto da 101 automezzi, 2422 tonnellate di munizioni, 1480 tonnellate di viveri e 5546 tonnellate di materiali vari, più nove militari. A Brindisi il Brioni viene sostituito dalla torpediniera Giacomo Medici.
20 aprile 1941
Il convoglio raggiunge Durazzo alle 15.20.
7 maggio 1941
Parte da Bari alle 20.30, con un carico di materiali vari, e raggiunge Valona isolato e senza scorta.
30 maggio 1941
L’Iseo ed il piroscafo Miseno, carichi di materiali, salpano da Bari per Durazzo alle 18.15, privi di scorta.
31 maggio 1941
I due piroscafi giungono a Durazzo alle 10.
12 luglio 1941
Trasporta materiali del Regio Esercito da Bari a Valona, senza scorta ed in convoglio con la motonave Città di Marsala.
28 luglio 1941
Lascia Valona e torna a Bari, da solo e senza scorta.
1° agosto 1941
Requisito a Brindisi dalla Regia Marina, senza essere iscritto nel ruolo del naviglio ausiliario dello Stato.
9 agosto 1941
L’Iseo ed un altro piroscafo, il Bosforo, salpano da Brindisi per Bengasi alle 10 del mattino.
12 agosto 1941
Alle 5.30 la torpediniera Partenope (capitano di corvetta De Moratti) raggiunge i due piroscafi, assumendone la scorta.
Alle 10.45 il sommergibile britannico Torbay (capitano di corvetta Anthony Cecil Capel Miers) avvista fumi in lontananza su rilevamento 010°, avvicinandosi per intercettare le navi che li emettono, e a mezzogiorno avvista ed identifica queste ultime come due mercantili di 3000 tonnellate scortati da una torpediniera classe Spica, un grosso MAS ed un aereo: si tratta del convoglio composto da Iseo, Bosforo e Partenope.
Alle 11.48 (o 11.52), a 4,6 miglia per 286° dal faro di Bengasi (cioè ad ovest di tale città), il Torbay lancia quattro siluri da 5500 metri contro il Bosforo, che si trova in coda al convoglio in procinto di entrare nel porto di Bengasi (la Partenope sta per imboccare la rotta di sicurezza), poi scende in profondità. Le armi mancano il bersaglio, ed alle 13.08 l’idrovolante CANT Z. 501 della 196a Squadriglia, che funge da scorta aerea (sottotenente di vascello Ugo De Biaggi), lancia due bombe di profondità regolate per 30 e 50 metri; anche il Bosforo segnala la presenza del sommergibile immerso nei pressi del convoglio. Le due bombe sganciate dall’aereo esplodono abbastanza vicine al Torbay; la Partenope segnala immediatamente ai due piroscafi l’ordine di entrare in porto, poi (dalle 12.15 alle 12.45) attacca il sommergibile con sette bombe di profondità, mentre l’aereo spara raffiche di mitragliatrice. Viene vista emergere una chiazza di nafta, ma in realtà il Torbay riesce a sfuggire senza danni.
Intanto, Iseo e Bosforo entrano a Bengasi alle 12.30.
19 agosto 1941
Iseo e Bosforo, scortati nel tratto iniziale dalla torpediniera Calliope, lasciano Bengasi alle 19 per tornare a Brindisi.
22 agosto 1941
I due piroscafi giungono a Brindisi alle 11.
30 agosto 1941
Alle 21, Iseo e Bosforo partono da Brindisi alla volta di Bengasi, scortati da varie unità lungo la rotta.
4 settembre 1941
I due bastimenti arrivano a Bengasi alle 14.
10 settembre 1941
Iseo e Bosforo, scortati dalla torpediniera Centauro, ripartono da Bengasi per Brindisi alle 19.
13 settembre 1941
Il convoglio arriva a Brindisi alle 10.30.
22 settembre 1941
L’Iseo ed il piroscafo Capo Faro, scortati dalla torpediniera Orione, salpano da Brindisi per Bengasi alle 14.
25 settembre 1941
Alle 00.30 il sommergibile britannico Thrasher (capitano di corvetta Patrick James Cowell) avvista delle unità di scorta in posizione 32°17’ N e 19°44’ E e, presumendo che siano dirette incontro ad un convoglio, dirige ad alta velocità prima verso ovest e poi verso nord per intercettarlo. All’1.32, in posizione 32°27’ N e 19°41’ E, il Thrasher avvista dapprima fumo su rilevamento 280° e poco dopo (avendo accostato per avvicinarsi) il convoglio che comprende l’Iseo, circa un miglio e mezzo a poppavia. All’1.50, dopo essere passato a sinistra del convoglio, il Thrasher vira; dodici minuti dopo, vedendo un “cacciatorpediniere” avvicinarsi, il sommergibile lancia quattro siluri, poi vira a sinistra e – alle 2.05 – ne lancia un quinto, tutti contro il mercantile più vicino; alle 2.06 s’immerge. Nessuno dei siluri va a segno, e l’attacco non viene neanche notato; alle 2.28 il Thrasher riemerge e si pone all’inseguimento del convoglio, ma alle 3.04 avvista di nuovo delle unità di scorta che gli si dirigono incontro, così s’immerge di nuovo alle 3.11 ed abbandona l’inseguimento.
L’Iseo e le altre navi raggiungono Bengasi alle 6.
2 ottobre 1941
Iseo e Capo Faro lasciano Bengasi alle 18.10 (o 18.50), diretti a Brindisi con la scorta della torpediniera Pegaso.
3 ottobre 1941
Alle 2.10 il sommergibile britannico Perseus (capitano di corvetta Edward Christian Frederic Nicolay) avvista due torpediniere a 4,5 miglia per 225° (evidentemente uno dei due piroscafi viene scambiato da Nicolay per una torpediniera), su rotta 330°, e poco dopo anche una nave mercantile a poppavia di esse: si tratta di Iseo, Capo Faro e Pegaso. Avvicinatosi per attaccare (la posizione del convoglio è 32°50’ N e 19°18’ E, una cinquantina di miglia a nordovest di Bengasi), alle 2.39 il Perseus lancia due siluri da 4570 metri, ma senza successo; il Capo Faro avvista una scia di siluro alle 2.55. Dato che le navi sono dirette in Italia, dunque scariche, Nicolay decide di non perseverare nell’attacco.
5 ottobre 1941
Il convoglio giunge a Brindisi alle 13.
20 ottobre 1941
Parte da Brindisi alle 13.50 in convoglio con il piroscafo Bolsena, scortato dal cacciatorpediniere Strale.
22 ottobre 1941
Il convoglio viene dirottato a Navarino, dove giunge alle 10.50, per allarme navale: il giorno precedente la ricognizione aerea ha infatti avvistato la Forza K britannica – incrociatori leggeri Aurora e Penelope e cacciatorpediniere Lance e Lively – in arrivo a Malta, e Supermarina ha disposto per misura precauzionale la temporanea sospensione del traffico da e per la Libia.
23 ottobre 1941
Dato che la rotta Brindisi-Bengasi passa ad oltre 300 miglia da Malta, rendendo fortemente improbabile che una formazione navale possa attaccare le navi su quella rotta senza essere prima avvistata, Supermarina dispone la ripresa dei collegamenti con Bengasi. L’Iseo riparte alle 20.50 diretto a Bengasi con Bolsena e Strale; le navi fanno tappa intermedia al Pireo, il 24 ottobre.
25 ottobre 1941
Il convoglio giunge a Bengasi alle 13.30.
28 ottobre 1941
Danneggiato nel porto di Bengasi da un mitragliamento aereo  (secondo “Navi mercantili perdute” ciò sarebbe avvenuto anche il 24 ottobre; ma in quella data, in realtà, la nave non era ancora arrivata a Bengasi).
1° novembre 1941
Iseo e Bolsena lasciano Bengasi alle 18.30 per tornare a Brindisi, scortati dalla torpediniera Procione.
4 novembre 1941
Il convoglio arriva a Brindisi alle 12.45.
28 novembre 1941
Dopo una pausa di alcuni giorni nei traffici con la Libia, seguita alla distruzione, da parte della Forza K britannica, del convoglio «Maritza» (avvenuta il 24 novembre), viene deciso di ordinare la partenza per la Libia – dove è necessario il rapido invio di rifornimenti per le truppe italo-tedesche, duramente impegnate dall’offensiva britannica «Crusader» – di tutte le navi cariche e pronte ed in attesa nei porti della Grecia e dell’Italia meridionale, dove hanno dovuto prolungare la loro sosta per via della sospensione delle partenze sopra citata.
L’Iseo ed il Capo Faro, pertanto, salpano da Brindisi per Bengasi alle 16, scortati dalla torpediniera Procione (capitano di corvetta Villa).
La velocità prevista per la navigazione è di 9 nodi, già non molti, ma il maltempo – vento e mare forza 6 da levante scirocco – costringono a ridurre la velocità effettiva a 5 e poi 4 nodi.
29 novembre 1941
Nel pomeriggio, il convoglio viene avvistato da un sommergibile.
30 novembre 1941
In mattinata, il convoglio viene avvistato da ricognitori britannici, i quali informano della sua presenza l’ammiraglio britannico Rawlings, comandante della Forza B britannica (un’unità simile alla Forza K), ed al comando di Malta.
Per proteggere questo e gli altri convogli in mare da attacchi da parte di forze di superficie britanniche, si trova in mare una forza di sostegno composta dalla corazzata Duilio, dalla VII Divisione (incrociatori leggeri Emanuele Filiberto Duca d’Aosta, Muzio Attendolo e Raimondo Montecuccoli) e VIII Divisione (incrociatore leggero Giuseppe Garibaldi) e dalle Squadriglie Cacciatorpediniere XI e XIII; ad ogni modo, il convoglio dell’Iseo (comunque coperto dalla VII Divisione) è in posizione tale che le navi britanniche non tentano nemmeno d’intercettarlo.
Vengono invece inviati da Malta quattro bombardieri Bristol Blenheim del 18th Squadron della Royal Air Force, che piombano sul convoglio alle dieci del mattino, in posizione 37°28’ N e 19°20’ E (al centro del Mar Ionio, a 70 miglia per 260° da Zante).
Sprovviste di scorta aerea, le navi del convoglio reagiscono con le armi di bordo: la reazione, però, è insufficiente (specie quella dei piroscafi, armati solo con poche mitragliere contraeree). L’Iseo subisce solo danni lievi, ma il Capo Faro viene centrato da tre bombe, si capovolge ed affonda rapidamente.
Mentre i Blenheim si allontanano, la Procione ordina all’Iseo di dirottare su Argostoli, poi recupera 113 naufraghi, dopo di che raggiunge l’Iseo (sul quale trasborda i naufraghi) e torna ad assumerne la scorta nella navigazione verso Argostoli. Qui le due navi giungono alle 22.30; l’Iseo farà poi ritorno in Italia.
12 dicembre 1941
L’Iseo ed il piroscafo Capo Orso salpano da Taranto alle 11 diretti ad Argostoli, scortati dai cacciatorpediniere Turbine e Strale (caposcorta).
13 dicembre 1941
Il convoglio arriva ad Argostoli in mattinata, ma ne riparte alle 15.30 (o 18) per Bengasi, nell’ambito dell’operazione di traffico «M. 41» (ora è caposcorta il Turbine). Dopo le gravi perdite subite dai convogli diretti in Libia nelle settimane precedenti, infatti, le forze italo-tedesche in Nordafrica si trovano in situazione di grave carenza di rifornimenti proprio mentre è in corso una nuova offensiva britannica, l’operazione «Crusader», ed urge rifornirle.
Con la «M. 41», Supermarina intende inviare a Tripoli e Bengasi tutti i mercantili già carichi presenti nei porti dell’Italia meridionale, mobilitando per la loro protezione, diretta e indiretta, pressoché tutta la flotta in condizioni di efficienza.
Sono previsti tre convogli: l’«A», da Messina a Tripoli, formato dalle moderne motonavi Fabio Filzi e Carlo Del Greco scortate dai cacciatorpediniere Nicoloso Da Recco ed Antoniotto Usodimare (poi dirottato su Taranto per unirsi da subito all’«L» ma distrutto durante tale percorso dal sommergibile britannico Upright); l’«L», da Taranto per Tripoli, formato dalle motonavi Monginevro, Napoli e Vettor Pisani scortate dai cacciatorpediniere Freccia ed Emanuele Pessagno (con a bordo il contrammiraglio Amedeo Nomis di Pollone) e dalla torpediniera Pegaso; e l’«N», da Navarino ed Argostoli per Bengasi, costituito da Iseo, Capo Orso, Turbine e Strale, cui si devono aggiungere la motonave tedesca Ankara, il cacciatorpediniere Saetta e la torpediniera Procione provenienti da Argostoli.
Ogni convoglio deve fruire della protezione di una forza navale di sostegno, che di giorno si terrà in vista dei trasporti e di notte a stretto contatto con essi. Il gruppo assegnato al convoglio «N» è composto dalla corazzata Andrea Doria e dalla VII Divisione (ammiraglio di divisione Raffaele De Courten) con gli incrociatori leggeri Muzio Attendolo ed Emanuele Filiberto Duca d’Aosta, mentre gli altri due convogli saranno protetti dalla corazzata Duilio (nave ammiraglia dell’ammiraglio di squadra Carlo Bergamini) e da un’eterogenea VIII Divisione composta per l’occasione dagli incrociatori leggeri Giuseppe Garibaldi (nave di bandiera dell’ammiraglio Giuseppe Lombardi, comandante della VIII Divisione) e Raimondo Montecuccoli e dall’incrociatore pesante Gorizia (con a bordo l’ammiraglio di divisione Angelo Parona).
Infine, a tutela dell’intera operazione contro un’eventuale uscita in mare delle corazzate della Mediterranean Fleet, prende il mare la IX Divisione Navale (ammiraglio di squadra Angelo Iachino, comandante superiore in mare) con le moderne corazzate Littorio e Vittorio Veneto, scortate dalla XIII Squadriglia Cacciatorpediniere (Granatiere, Bersagliere, Fuciliere, Alpino). Queste navi si dovranno posizionare nel Mediterraneo centrale.
A completamento dello schieramento, un gruppo di sommergibili viene dislocato nel Mediterraneo centro-orientale con compiti esplorativi ed offensivi; è inoltre previsto un imponente intervento della Regia Aeronautica.
Per via della carenza di navi scorta e del tempo necessario a reperirne, l’operazione, inizialmente prevista per il 12 dicembre, viene posticipata di un giorno.
Nel tardo pomeriggio del 13, quando i convogli sono già in mare, la ricognizione aerea comunica a supermarina che una consistente forza britannica, comprensiva di corazzate ed incrociatori (in realtà sono solo quattro incrociatori leggeri: i ricognitori hanno grossolanamente sovrastimato la composizione e potenza della forza avvistata), si trova tra Tobruk e Marsa Matruh, diretta verso ovest. La somma delle forze italiane in mare è complessivamente superiore, ma si trova divisa in gruppi tra loro distanziati e vincolati a convogli lenti e poco manovrieri; per questo, alle ore 20 Supermarina decide di sospendere l’operazione, ed i convogli ricevono ordine di rientrare. Ciò non basterà ad evitare danni: durante la notte, il sommergibile britannico Urge silurerà la Vittorio Veneto, danneggiandola gravemente.
Alle 22.50 il Turbine ordina ad Iseo e Capo Orso, che procedono in linea di fronte, d’invertire la rotta: durante la manovra, a coronamento di una delle notti più funeste della guerra per la Marina italiana, l’Iseo sperona il Capo Orso, ed entrambe le navi riportano danni piuttosto seri, per quanto non tali da impedire loro di rientrare in porto con i propri mezzi.
14 dicembre 1941
Entrambi i piroscafi e la loro scorta riescono a raggiungere Argostoli alle nove-dieci del mattino.
30 dicembre 1941
L’Iseo ed il Capo Orso, scortati dalla torpediniera Pegaso, salpano da Patrasso per Brindisi trasportando personale militare rimpatriante e materiali.
12 aprile 1942
Terminate le riparazioni, salpa da Brindisi per Bengasi alle 19, scortato dalla torpediniera Orsa.
15 aprile 1942
All’alba si unisce al piccolo convoglio, 80 miglia a nord di Bengasi, anche il rimorchiatore tedesco Max Barendt, proveniente da Messina e diretto anch’esso in quel porto. Alle 10.30 Iseo, Orsa e Barendt giungono a Bengasi.
20 aprile 1942
L’Iseo salpa da Bengasi per Brindisi alle 19.30, scortato dal cacciatorpediniere Turbine.
22 aprile 1942
Iseo e Turbine arrivano a Brindisi all’1.30.
17 maggio 1942
Alle 20.05 (19.30 per altra fonte) l’Iseo ed il Bolsena salpano Bengasi diretti a Taranto, con la scorta della torpediniera Pegaso (tenente di vascello Acton).
Dopo lo sbarco del pilota, il convoglio si dispone in linea di fila, con la Pegaso in testa, l’Iseo al centro ed il Bolsena in coda, procedendo a 7-8 nodi.
Del passaggio del convoglio, tuttavia, è già stato informato il sommergibile britannico Turbulent, al comando del capitano di fregata John Wallace Linton: il “merito” dell’agguato è dell’organizzazione britannica «ULTRA», che il 17 maggio, sulla base di quanto ricavato da messaggi italiani intercettati e decifrati, ha comunicato che Iseo e Bolsena devono lasciare Bengasi alle 19.30 di questo stesso giorno, scortati dalla Pegaso, diretti l’uno a Brindisi e l’altro a Taranto. ULTRA indica anche la velocità prevista: dieci nodi.
Il Turbulent si porta quindi in posizione idonea all’attacco, giungendovi alle 23.20 del 17 maggio, e nove minuti dopo, nel punto 32°02’ N e 19°30’ E, avvista le tre navi italiane in avvicinamento (con rotta 260°, poi cambiata in 335° da un’accostata, e velocità 10 nodi), che identifica come due mercantili di 4000 tsl ed un cacciatorpediniere di scorta, iniziando l’attacco.
18 maggio 1942
All’1.40 del 18 (ora di bordo del Turbulent, 00.40 per l’orario italiano), dopo aver lungamente manovrato per portarsi in una posizione favorevole all’attacco, il sommergibile accosta per lanciare contro il piroscafo di coda, il Bolsena, ma Winton rileva che la distanza è maggiore di quanto in precedenza abbia stimato, perciò assume rotta parallela al convoglio e si rimette all’inseguimento. Alle due di notte (l’una per l’orario italiano) il battello britannico accosta di nuovo per lanciare contro il Bolsena, ed alle 2.10 (1.10 ora italiana), nel punto 32°16’ N e 19°16’ E, lancia tre siluri da 1830 metri.

All’1.12 (ora italiana) del 18 maggio il Bolsena viene colpito da due siluri, ed affonda in appena mezzo minuto nel punto 32°36’ N e 19°16’ E, portando con sé 48 degli 86 uomini a bordo.

La Pegaso, dopo aver visto la sagoma del Bolsena colpito sparire in una manciata di secondi per lasciare il posto solo a pochi segnali luminosi dei mezzi di salvataggio, raggiunge il probabile punto del lancio dei siluri e lancia alcune bombe di profondità a scopo intimidatorio, non riuscendo a localizzare il sommergibile attaccante con l’ecogoniometro; poi, senza fermarsi a raccogliere i superstiti (verranno inviate allo scopo altre unità), prosegue all’1.50 scortando l’Iseo.
Alle 16.45 l’Iseo viene attaccato a sua volta, in questo caso da aerosiluranti, ma la reazione della Pegaso costringe gli aerei alla ritirata.
20 maggio 1942
Iseo e Pegaso giungono a Taranto alle 15.30.
25 giugno 1942
L’Iseo salpa da Trapani per Tripoli alle 23.55, scortato dai cacciasommergibili Eso, Selve ed Oriole.
Eso ed Oriole entrano però in collisione, e sono costretti a tornare a Trapani, scortati dal Selve.
28 giugno 1942
L’Iseo giunge a Tripoli alle 20.30.
11 luglio 1942
Mentre l’Iseo si trova nel porto di Tobruk, tra le 22.45 e le 2.30 si svolge un attacco aereo britannico, con l’utilizzo di bombe incendiarie. Tre di queste bombe colpiscono l’Iseo: una centra la cabina del tenente E. Pezzi, del 551° Gruppo Mitragliere da 20 mm dell’Esercito (è da tempo abitudine imbarcare sui mercantili più importanti reparti di mitraglieri dell’Esercito, con armi da 20 mm, per rinforzarne le difese antiaeree), altre due una stiva carboniera. Vengono abbattuti tre aerei britannici; nei rottami di uno di esso vengono trovati, secondo quanto annotato dallo stesso tenente Pezzi nel suo diario, i cadaveri del pilota e di una donna in abito da sera.
20 luglio 1932
L’Iseo parte da Tobruk per Bengasi alle 21, scortato dalla torpediniera Generale Marcello Prestinari.
22 luglio 1942
Iseo e Prestinari raggiungono Bengasi alle sei del mattino.
7 agosto 1942
L’Iseo lascia Bengasi per Tobruk alle otto, scortato dai cacciasommergibili Selve ed Oriole.
8 agosto 1942
Le tre navi arrivano a Tobruk alle 17.30.
18 agosto 1942
L’Iseo riparte da Tobruk alle 19, diretto a Bengasi con la scorta della torpediniera Lince.
19 agosto 1942
Alle 5.20 (4.30 per l’orario italiano), al largo di Derna, il convoglio s’imbatte nel sommergibile britannico Porpoise (tenente di vascello Leslie William Abel Bennington), diretto nelle acque di Tobruk per attaccare naviglio dell’Asse. Il Porpoise, avvistata la Lince alle 5.20, in posizione 32°41’ N e 23°32’ E, ad una distanza di 3200 metri, s’immerge subito a 25 metri ed assume rotta 180°, per allontanarsi, senza neanche tentare un attacco (per una fonte imprecisata, l’Iseo avrebbe riferito di essere stato mancato; in tal caso, comunque, non può essersi trattato del Porpoise, che s’immerse senza attaccare); la torpediniera, però, l’ha già localizzato, e lo attacca con tre pacchetti di nove bombe di profondità ciascuno.
La prima bomba esplode alle 5.24, molto vicina al Porpoise: il sommergibile viene scosso violentemente, alcune luci si spengono, parecchio sughero si stacca dal soffitto, e la sezione n. 1 della batteria principale rimane danneggiata, inizia ad emettere esalazioni e viene pertanto isolata.
Dopo tre minuti, la Lince inverte la rotta e lancia altre bombe di profondità, che esplodono anch’esse molto vicine al Porpoise; le sezioni 2 e 3 della batteria principale vengono danneggiate. Mantenendo saldamente il contatto, la Lince passa e ripassa una dozzina di volte sopra il Porpoise, lanciando bombe di profondità; alle 5.52 Bennington vira per 210°, ma dopo qualche difficoltà la Lince ritrova il contatto e riprende a bombardarlo con precisione. Alle 6.10 il sommergibile scende a 45 metri, ed alle 7 a 60 metri; a questo punto la Lince perde il contatto. Il comandante della torpediniera ritiene di aver danneggiato il sommergibile, ed ha ragione: il Porpoise ha subito danni molto gravi, tanto che, riemerso alle 20.50, non sarà più in grado di ricaricare la batteria per via dei danni subiti, e dovrà abbandonare la missione e ritornare a Malta in superficie (non potendosi più immergere) con scorta aerea. Necessiterà di un mese di riparazioni.
Sempre al largo di Derna, la Lince viene sostituita nel suo ruolo di scorta dalla gemella Sagittario.
20 agosto 1942
Iseo e Sagittario arrivano a Bengasi alle 7.30.
8 settembre 1942
L’Iseo lascia Bengasi per Tobruk alle 6, scortata dalla torpediniera Calliope. Alle 22 le due navi sono attaccate da aerei, ma non subiscono danni.
9 settembre 1942
Allarme sommergibile dall’1.30 alle 2, poi allarme aereo fino alle 4; a poca distanza si vedono bagliori di bengala a luce bianca, intermittente, ed alcuni aerei britannici sorvolano la zona, ma non riescono ad individuare le navi italiane.
Iseo e Calliope arrivano a Tobruk alle 13.45.
14 settembre 1942
L’Iseo, con altre navi, si trova nel porto di Tobruk quando la piazzaforte è attaccata da centinaia di commandos britannici, provenienti dal deserto e dal mare, nell’operazione «Agreement». L’attacco britannico fallisce completamente, grazie alla ferma reazione dei difensori della base (un battaglione del reggimento «San Marco», nonché alcune decine di carabinieri e marinai italiani e tedeschi), che uccidono o catturano quasi 1400 uomini.
15 settembre 1942
L’Iseo e la torpediniera Castore salpano da Tobruk per Suda alle 18.15.
17 settembre 1942
Iseo e Castore arrivano a Suda alle 16.10.
1° ottobre 1942
Dopo un primo rinvio, di cui “ULTRA” ha avuto contezza (inizialmente la partenza era prevista per le 12 del 30 settembre), l’Iseo lascia il Pireo alle sei del mattino, insieme al piroscafo Dandolo ed alla nave recuperi Raffio. La destinazione è Bengasi.
2 ottobre 1942
Iseo e Dandolo vengono dirottati a Suda. Da lì proseguirà poi il solo Dandolo, che verrà affondato da aerosiluranti britannici.
12 novembre 1942
L’Iseo lascia Suda e raggiunge Pireo, in convoglio con il piroscafo Anna Maria e la pirocisterna Lina Campanella, scortati da un cacciasommergibili tedesco.
 

La nave sotto il precedente nome di War Shell (da www.marina-mercantile-italiana.net

L’affondamento

Alle 7.30 del 24 dicembre 1942 l’Iseo, in convoglio con una motozattera tedesca, salpò da Taranto avendo come destinazione finale Tunisi. Era il suo primo viaggio verso la Tunisia, ma la guerra aeronavale nel Mediterraneo era cambiata; la battaglia dei convogli per la Tunisia sarebbe stata ancora più sanguinosa di quella per la Libia. L’Iseo sarebbe stato una delle prime vittime. Il suo carico consisteva di 2088 tonnellate materiale militare: in massima parte esplosivi e munizioni.
Inizialmente piroscafo e motozattera vennero scortati dalla vetusta torpediniera Antonio Mosto, che li accompagnò fino a Messina. Dopo aver qui sostato nel pomeriggio di Natale, l’Iseo e la motozattera ne ripartirono con la scorta della torpediniera Partenope; quest’ultima li scortò fino a Trapani, dove giunsero alle 16 del 27 e si trattennero fino alle 18.35 del 28. A quell’ora, l’Iseo e la motozattera partirono per l’ultimo tratto della perigliosa navigazione verso la Tunisia, scortati ora dal cacciatorpediniere Freccia (capitano di corvetta Giuseppe Andreani), unità dotata di apparato Metox per l’intercettazione delle onde emesse dai radar degli aerei nemici.
Tali emissioni radar vennero rilevate dal Metox del Freccia già a partire dalle 19.15, segno evidente della presenza di ricognitori britannici nelle vicinanze: nelle ore successive fu un crescendo, finché tra le 2.30 e le 3 del 29 dicembre esse divennero così vicine e continue da rendere evidente che il piccolo convoglio era stato localizzato ed era tenuto sotto controllo da ricognitori britannici.
“ULTRA” stavolta non aveva fatto un buon lavoro – il 26 dicembre aveva semplicemente ricavato da messaggi decrittati che l’Iseo era atteso in Tunisia «in un qualsiasi momento dopo il giorno 28» –, ma la ricognizione britannica era riuscita a trovare il piroscafo anche senza la sua assistenza.
Gli aerosiluranti non tardarono ad arrivare: quattro Fairey Albacore degli Squadrons 821 e 828 della Fleet Air Arm, di base a Malta. Alle 3.20 (o 3.30) l’Iseo, intento a sparare con le proprie mitragliere contro un aereo che aveva avvistato nella luce della luna, venne colpito da un siluro a centro nave, sul lato di dritta: il disgraziato piroscafo esplose ed affondò in un minuto, nel punto 37°12’ N e 11°37’ E (o 37°18’ N e 11°40’ E; a 28 miglia per 077° da, cioè ad est di, Capo Bon). Schegge e rottami dell’esplosione caddero anche addosso al Freccia, che contemporaneamente venne mancato di poco da tre bombe.
Al Freccia ed alla motozattera tedesca non rimase altro da fare che recuperare i naufraghi. Secondo il volume dell’USMM relativo a tale periodo (“La difesa del traffico con l’Africa Settentrionale dal 1° ottobre 1942 alla caduta della Tunisia”), l’Iseo aveva a bordo 90 uomini e ne vennero salvati 42, quasi tutti feriti. Un messaggio del 29 dicembre del comandante del Porto di Trapani, Cesare Timossi, riferiva invece che l’Iseo aveva a bordo 37 uomini di equipaggio civile e 35 militari, e che erano scomparsi in mare l’intero equipaggio civile, due militari della Regia Marina e venti del Regio Esercito; la scorta aveva recuperato soltanto sei uomini dell’Esercito, sbarcati a Trapani.
Tra le tante vittime dell’affondamento dell’Iseo vi fu il tenente di complemento del Regio Esercito Michele Ferrante, foggiano: in quanto padre di quattro figli, era esentato dal richiamo obbligatorio; ma si era ugualmente arruolato, volontario. Era partito ai primi di dicembre, e nelle lettere scritte alla moglie aveva chiesto di inviargli un pacco con le fotografie dei figli, un passamontagna (ormai faceva freddo) e la sua inseparabile macchina fotografica: il pacco venne spedito subito insieme a dei dolci natalizi e ad una cartolina della figlia (che augurava il ritorno e chiedeva una bambola), ma sarebbe tornato intatto al mittente. Nell’ultima lettera, Ferrante aveva chiesto perdono alla moglie per averla fatta, forse inconsapevolmente, soffrire, ed aveva scritto di essersi appena confessato – forse presagendo la sua imminente morte. Il suo corpo non fu mai ritrovato.

Tra coloro che assisterono alla fine dell’Iseo, da bordo di uno dei tre dragamine inviati a dragarne la rotta tra Tunisi e Capo Bon, vi era anche il corrispondente di guerra Vero Roberti, autore nel dopoguerra del libro “Con la pelle appesa a un chiodo”. Per Roberti, l’Iseo non era una nave qualsiasi: in gioventù, vent’anni prima, il futuro giornalista vi era stato imbarcato come marinaio. Era stata la sua prima nave. Così Roberti ricordò, nel suo libro, la fine dell’Iseo: “Cartagine, 31 dicembre 1942. Mi domando se un marinaio possa piangere la perdita del bastimento sul quale imbarcò per la prima volta nella sua vita. (…) L’altro ieri, sono uscito da La Goletta con un dragamine per una missione «segreta e personale». Sono uscito in mare per andare incontro ad una carretta, sulla quale, un giorno, caricai tutte le mie speranze, dopo aver lasciato le delusioni su una squallida banchina del porto di Ancona. Lungo una delle «rotte della morte» dirigeva su Tunisi il mio caro e decrepito Iseo, con un carico di munizioni. (…) Ricuperavo i miei ricordi, li legavo insieme e me li sgranavo come le palline di un rosario greco. Erano passati vent’anni. Mi rivedevo a bordo dell’Iseo sulle rotte della «Soria A» e della «Soria B»: Calamata, il Pireo, Limassol, Tripoli soriaco, Beirut, Haifa, Giaffa, Porto Said poi con un sol balzo a 7 nodi fino a Brindisi. Si navigava anche alla busca, ma facevamo il carico con le mandorle, le noci, le olive, il caffè dell’Arabia e le spezie. Tra un porto e l’altro della Soria, imbarcavamo inevitabilmente capre e pecore a centinaia e intere famiglie di arabi e di armeni. Si navigava all’antica, la panatica era buona, ma il soldo sempre scarso. Eppure l’equipaggio non si lamentava: metà per la casa e l’altra metà per qualche innocente mercato e per i soliti peccati. Le rotte della Soria erano come le straducole di un grande bazar. In ogni bottega avevamo un amico che regolarmente cercava d’ingannarci e che noi puntualmente ripagavamo con la stessa moneta. Le «pratiche» erano degli incontri cordiali, si negoziavano come i contratti nelle fiere di campagna, poi i medici della Sanità, i doganieri e i poliziotti si trattenevano a bordo per un lauto pasto. Così talvolta chiudevano anche un occhio. Il Levante era ancora un Paese pacifico e civile.
L’Iseo navigava in convoglio con una motozattera tedesca, scortato dal cacciatorpediniere Freccia. Quando la notte scese, ci ancorammo in una insenatura della costa a poche miglia da Capo Bon. Verso le 03.00 fui svegliato dalla gente di bordo, che aveva udito rumori di aerei. Era scomparsa la luna e il mare era calmo. Rimanemmo in attesa finché alle 03.25 vedemmo all’orizzonte accendersi una fontana di traccianti di mitragliera. Intuii che l’Iseo era stato attaccato. Pregai Iddio che si salvasse. Ma alle 3.40 vedemmo una vampata di luce violetta, poi, dopo pochi secondi, una esplosione illuminare il cielo. Una gigantesca palla di fuoco rotolò sul mare, frantumandosi in centinaia di esplosioni minori. L’Iseo era morto in gloria.
Il Comandante del nostro dragamine, mise in moto e dopo quaranta minuti eravamo sul luogo del sinistro. Nella primissima luce dell’alba, il mare ci apparve seminato di rottami. Disperatamente guardammo se tra i resti dell’Iseo vi fosse qualche naufrago. Vedemmo solo quattro corpi umani col viso nell’acqua. Tutto era finito. Ritornammo al nostro ancoraggio e si riprese a dragare. Avevo perduto gli anni della speranza, dilaniati da un odioso e ripugnante siluro.”
Pochi giorni Libero Accini, un altro corrispondente di guerra che avrebbe in seguito scritto un libro sulla sua esperienza in Marina (“La rotta della morte”), vide i rottami dell’Iseo da bordo della silurante su cui era imbarcato.

Alcuni dei marittimi e militari periti nell’affondamento dell’Iseo:

Benno Albrecht, marittimo, da Trieste
Irmo Baldassini, secondo capo cannoniere, 29 anni, da Carrara
Giovanni Bauzon, marittimo, da Trieste
Leonardo Bertuzzi, fuochista, da Trieste
Menotti Boniciolli, ufficiale di macchina, da Trieste
Antonio Bursich, operaio, da Pirano
Michele Ferrante, tenente dell’Esercito, 30 anni, da Cagnano Varano
Marco Filippas, marinaio, da Cherso
Teodoro Naccari, marittimo, 62 anni, da Muggia
Mario Pecenco, marittimo, 27 anni, da Capodistria
Giovanni Rocco, marittimo, da Rovigno
Marino Ruzzier, marittimo, da Pirano
Oreste Salich, marittimo, da Trieste
Francesco Surdi, marittimo, da Cherso
Giorgio Vucich, marittimo, da Trieste



Nessun commento:

Posta un commento