lunedì 2 giugno 2014

Unie


L’Unie nel 1942 (da navyworld.narod.ru)


Posamine classe Selve (515 tonnellate di dislocamento standard, 590 a pieno carico), lungo 59,6 metri e largo 7,30, pescaggio 2,15 metri, velocità massima 16 (poi calata a 14) nodi, autonomia 2000 (poi ridotte a 1680) miglia a 14 nodi. Armato con due cannoni da 90/45 mm, due mitragliere contraeree da 13,2 mm, uno scaricabombe per 16 bombe di profondità ed attrezzature per trasportare e posare 12 (o 24) mine, nonché attrezzature per il dragaggio. Riclassificato poi come cacciasommergibili AS 110 Unie, viene anche menzionato come cannoniera.

Breve e parziale cronologia.

1917
Impostato nei cantieri Actien-Gesellschaft "Neptun" Schiffswerft und Maschinenfabrik di Rostock (numero di scafo 434) come dragamine M 121 (classe Minensuchboot 1916) per la Kaiserliche Marine (la Marina imperiale tedesca).
10 settembre 1918
Varato nei cantieri Actien-Gesellschaft "Neptun" Schiffswerft und Maschinenfabrik di Rostock.
25 ottobre 1918
Entra in servizio come M 121 per la Kaiserliche Marine, ma la prima guerra mondiale si conclude di lì ad un mese con la sconfitta della Germania.
13 luglio 1921
Radiato dalla Marina tedesca per essere venduto.
20 luglio 1921
Acquistato dalla Marina jugoslava (Jugoslovenska Kraljevska Ratna Mornarica) tramite una compagnia di Amburgo, al prezzo di 1.400.000 marchi (analogamente ad altri cinque dragamine tedeschi della classe Minensuchboot 1916: le sei unità vanno a formare la classe di posamine “Galeb” della Marina jugoslava). Comprato senza armamento, ufficialmente classificato rimorchiatore e denominato SKSKHS, non appena entra in servizio sotto bandiera jugoslava viene ribattezzato Kobac e riclassificato posamine.
Assegnato al “settore meridionale” della flotta jugoslava.
13 aprile 1941
L’arsenale di Teodo e la base di Cattaro, dove il Kobac si trova con altre unità della flotta jugoslava, vengono bombardati da una quarantina di bombardieri CANT Z. 1007 bis e FIAT BR. 20 della Regia Aeronautica. Il Kobac viene colpito e gravemente danneggiato, e dev’essere portato all’incaglio per evitarne l’affondamento.
17 aprile 1941
Con l’occupazione della Jugoslavia da parte delle forze dell’Asse, la quasi totalità della flotta jugoslava, i cui equipaggi in gran parte si sono ammutinati od hanno disertato, viene catturata ed incorporata nella Regia Marina.
Il 17 aprile il danneggiato Kobac viene catturato dalle truppe italiane a Cattaro (altra fonte lo dà come catturato a Spalato il 10 aprile, altra ancora a Sebenico sempre il 10, ma ciò appare inverosimile dato il suo stato). Il grosso della flotta jugoslava (ossia, oltre al Kobac e dal gemello Jastreb, i cacciatorpediniere Beograd e Dubrovnik, le torpediniere T 1 e T 8, i sommergibili Hrabri, Smeli ed Osvetnik, i posamine Meline e Mljet, le cannoniere Dalmacija e Bjeli Orao, il dragamine D 2, le navi appoggio sommergibili Hvar e Sitnica, la cisterna militare Perun, la nave scuola Jadran, le motosiluranti Orjen, Velebit, Dinara, Triglav, Suvobor e Rudnik ed i rimorchiatori Silni, Jaki, Snazni ed Ustraini), che staziona inattivo e con equipaggi ridotti al minimo dalle diserzioni nella base di Cattaro, si arrende la sera del 17 aprile dopo una riunione, durata un’ora, tra i comandanti jugoslavi e l’ammiraglio italiano Ettore Sportiello, comandante militare marittimo dell’Albania, giunto a Cattaro insieme alla Divisione fanteria «Messina» e subito recatosi a bordo delle unità jugoslave per trattarne la resa. Il “passaggio di consegne” è incruento, le navi ammainano la bandiera jugoslava ed issano quella italiana, dopo di che i pochi uomini rimasti a bordo vengono sbarcati. Dall’Italia verranno poi inviati nuovi equipaggi per rimettere in efficienza e riarmare le navi catturate, che entreranno tutte in servizio sotto bandiera italiana.
Settembre-novembre 1941
Il Kobac viene danneggiato con cariche esplosive piazzate a bordo da partigiani jugoslavi.
30 novembre 1941
Riparato e ribattezzato Unie, l’ex Kobac entra in servizio per la Regia Marina a Spalato. Verrà impiegato soprattutto come cacciasommergibili (riceverà infatti la caratteristica AS 110 in aggiunta al nome) e cannoniera per pattugliamento costiero; non poserà invece una sola mina durante tutta la guerra.
Inizialmente viene dislocato ad Argostoli, operando come cacciasommergibili nelle acque di Cefalonia, dello Ionio e dell’Egeo.
Febbraio 1942
Posto alle dipendenze di Marina La Spezia insieme ai gemelli Eso e Vergada.
7 settembre 1942
Durante la scorta ad un convoglio in navigazione tra Cefalonia a Zante, l’Unie localizza un sommergibile e lo bombarda con otto bombe di profondità, vedendo poi comparire chiazze di nafta in superficie, ma in realtà l’unità nemica non è stata colpita.
Dicembre 1942
Impiegato sulle rotte della Libia e della Tunisia, è di base a La Goletta (Tunisi).

L’affondamento

Nel pomeriggio del 30 gennaio 1943 l’Unie era ormeggiato nell’arsenale di Sidi Abdallah, a Ferryville (Biserta), quando, alle 14.05, ebbe inizio un bombardamento della base da parte di bombardieri statunitensi Boeing B-17 “Flying Fortress” della 12th USAAF: centrato in pieno dalle bombe, l’Unie esplose ed affondò accanto al molo dov’era ormeggiato. Tre dei 71 uomini del suo equipaggio rimasero uccisi, molti altri furono feriti (tra questi il marinaio segnalatore Modesto Rolando Perino, di Cuorgné, che fu ferito alla gamba destra ed al piede sinistro, perdendo parte dell’alluce). I feriti furono ricoverati all’ospedale di Tunisi, ed il 15 febbraio vennero trasferiti in Italia con la nave ospedale Sicilia.
Nello stesso bombardamento venne incendiato anche il piroscafo da carico Noto, che saltò in aria in serata.


Caduti in guerra tra l’equipaggio dell'Unie

Tefan Fatmo Abbati, sottocapo fuochista, deceduto in territorio metropolitano il 9.2.1944

Antonio Baroni, sottocapo cannoniere, deceduto nell'affondamento

Giacomo Campana, marinaio torpediniere, deceduto nell'affondamento

Sergio Cappellesso, marinaio, deceduto nell'affondamento

Aldo Rolle, marinaio, deceduto in territorio metropolitano il 2.6.1943

Aldo Staico, capo radiotelegrafista di seconda classe, deceduto nel Mediterraneo centrale il 2.1.1943



Nessun commento:

Posta un commento