lunedì 3 novembre 2014

Monti


La Monti appena dopo il suo completamento, nell’agosto 1942 (g.c. STORIA militare)
 

Motonave da carico da 4301 tsl, lunga 117,4 metri e larga 15,2. Di proprietà della società Tirrenia, ed iscritta con matricola 103 al Compartimento Marittimo di Fiume.
Apparteneva alla classe «Poeti», una serie di undici moderne motonavi concepite sia per il servizio commerciale per la Tirrenia (sulle rotte dell’Europa settentrionale e lungo le coste italiane) che per l’impiego bellico nel trasporto di rifornimenti, scopo per il avevano dimensioni inferiori alle altre motonavi di nuova costruzione (stazza lorda sulle 4500 tsl invece di 6000-8000 tsl come le altre navi) ed una sagoma più raccolta e bassa sul mare, pensata per ridurre la possibilità del loro avvistamento. Robuste e dotate di buone qualità nautiche, le «Poeti» superavano i 14 nodi di velocità (una velocità elevata per un mercantile), il che riduceva il rischio d’intercettazione e, in caso di attacco, di essere colpite. Grazie a queste unità fu possibile far arrivare a Bengasi e Tripoli importanti carichi che le altre navi difficilmente avrebbero potuto trasportare senza essere localizzate ed attaccate.

Breve e parziale cronologia.

21 febbraio 1940
Impostata (numero di cantiere 259) nei Cantieri Odero Terni Orlando del Muggiano (La Spezia).
21 dicembre 1941
Varata nei Cantieri Odero Terni Orlando del Muggiano (La Spezia).
Agosto 1942
Completata per la Società Anonima di Navigazione Tirrenia (con sede a Napoli).
14 agosto 1942
Requisita dalla Regia Marina, senza essere iscritta nel ruolo del naviglio ausiliario dello Stato. Armata con un cannone scudato da 120 mm e 5-7 mitragliere contraeree Oerlikon da 20 mm, sistemate in due plancette quadrate a prua ed una torretta contraerea a poppa.

Aerosiluramento

Come tutte le motonavi di nuova costruzione, dopo il completamento la Monti venne destinata al trasporto di rifornimenti sulle rotte per il Nordafrica, compito per il quale era stata espressamente concepita. L’offensiva nemica su quelle rotte era sempre più violenta, ed i risultati non mancarono a farsi sentire sulle motonavi che costituivano il nerbo della decimata flotta mercantile italiana.
Il 2 settembre 1942 la Monti lasciò Messina, dov’era giunta da Napoli, diretta a Crotone, da dove poi sarebbe proseguita per il Pireo e poi per Bengasi. La preziosa motonave era scortata da ben tre torpediniere, le anziane Giuseppe Sirtori ed Enrico Cosenz e la più moderna Circe.
La sera stessa, al largo di Roccella Ionica, la Cosenz dovette invertire la rotta per rientrare a Messina. Alle 23.45, però, a tre miglia per 090° da Roccella Ionica, il convoglio venne attacato da aerosiluranti britannici della Fleet Air Arm: alle 23.55.02 la motonave fu colpita da un siluro a poppa sinistra, restando immobilizzata. Dopo più di due ore, alle due di notte, la Monti venne presa a rimorchio dalla Sirtori, che fece quindi rotta per Messina, mentre la Circe, rimasta in zona, provvedeva a recuperare gli uomini gettati in mare dallo scoppio del siluro. Terminato il salvataggio, la Circe diede la caccia contro un bersaglio rilevato all’ecogoniometro e ritenuto un sommergibile (non risulta in realtà che ve ne fossero), terminandola alle 4.20, dopo di che si allontanò per riunirsi a Sirtori e Monti in navigazione verso Messina. Inviato sul posto da Supermarina, raggiunse la Circe anche il cacciatorpediniere Giovanni Da Verrazzano.
La situazione della Monti, tuttavia, andava aggravandosi: la nave continuava ad imbarcare acqua, finché non si rese necessario decidere di portarla all’incaglio per evitarne l’affondamento. Con l’assistenza della Sirtori, il mercantile venne mandato ad incagliarsi su un fondale sabbioso presso la Fiumara Condoianni, vicino al paese di Sant’Ilario Jonico.
Non vi erano state vittime tra l’equipaggio della motonave; 13 uomini erano rimasti feriti, ma nessuno in modo grave.

L’aviazione britannica tentò ancora di distruggere la moderna motonave ed il suo prezioso carico, ora che era incagliata ed immobile, la sera del 4 settembre: alle 23.21 alcuni aerei britannici sorvolarono a quota media Locri lanciando poi quattro razzi illuminanti nei pressi di Sant’Ilario, scatenando l’immediata reazione delle mitragliere di un treno armato della Regia Marina, ed alle 23.45 sganciarono tre o quattro bombe proprio contro la Monti. Gli ordigni, fortunatamente, mancarono il bersaglio e caddero sulla spiaggia di Sant’Ilario. Anche la Monti aprì il fuoco con le mitragliere contro gli aerei. A mezzanotte gli aerei sorvolarono di nuovo a bassa quota Locri e Sant’Ilario, dove sganciarono tre bengala, per poi dileguarsi verso sud.
L’incursione non causò vittime; tre militari vennero feriti non gravemente da schegge di bombe.
La nave venne successivamente disincagliata, rimorchiata a Messina e riparata, e riprese a navigare sulle rotte dei convogli.
 
La Monti incagliata presso la Fiumara Condoianni dopo il siluramento (da “Navi mercantili perdute” di Rolando Notarangelo e Gian Paolo Pagano, USMM, Roma 1997)

L’affondamento

La fine, per la Monti, era solo stata rimandata. Alle 5.30 del 21 marzo 1943 la nave, avente a bordo un carico di carburante e munizioni (comprese 3164 tonnellate di carburante e merci varie, otto automezzi ed undici cannoni destinati alle forze tedesche) oltre a 143 uomini tra equipaggio e militari di passaggio, partì da Napoli in convoglio con un’altra moderna motonave, l’Ombrina, pure carica di carburante e munizioni. Le due unità, scortate dalle torpediniere Libra e Perseo e dalla moderna torpediniera di scorta Tifone, erano dirette a Biserta.
Anche in questo caso, «ULTRA» aveva intercettato e decifrato i messaggi relativi alla partenza del convoglio, e già il 19 marzo aveva avvisato i comandi britannici che Monti ed Ombrina erano attese a Biserta per il pomeriggio del 21. La partenza del convoglio era stata poi rinviata per altri motivi, ma «ULTRA» aveva decrittato anche i messaggi relativi a questo cambio di programma, ed il 21 marzo aveva comunicato ai comandi britannici che le due motonavi sarebbero dovute arrivare a Biserta nel pomeriggio del 22.
Di conseguenza vennero organizzati degli attacchi aerei. Dopo aver superato indenne un primo attacco di aerosiluranti ad est di Capo Carbonara, avvenuto nella notte del 21 marzo, intorno alle due del pomeriggio del 22 marzo il convoglio venne nuovamente attaccato da una nutrita formazione di bombardieri nemici 18 miglia ad est di Biserta: all’inizio dell’attacco, verso le 14, la Monti fu colpita da una bomba e prese fuoco. Alle 15.15 la motonave esplose ed affondò a 18 miglia da Biserta, portando con sé 41 uomini. I sopravvissuti furono 102. Partecipò ai soccorsi anche il dragamine RD 18 della Guardia di Finanza, che trasse in salvo diversi naufraghi.
L’Ombrina, uscita indenne dall’attacco, urtò una mina e fu poi affondata da un bombardamento aereo su Biserta.
Il 23 ed il 24 marzo, a seguito di nuove decrittazioni, «ULTRA» ebbe modo anche di confermare ai reparti attaccanti i risultati conseguiti.


War Diary, German Naval Staff – Operations Division, September 1942

Nessun commento:

Posta un commento