domenica 8 febbraio 2015

RD 4


L’RD 4 (Coll. Guido Alfano via Giorgio Parodi e www.naviearmatori.net)


Dragamine della classe RD 3 (196 tonnellate di dislocamento, lungo 38 metri, largo 6 e pescante 1,54, velocità 12 nodi, armato con un cannone da 76/40 mm e due mitragliere da 13,2 mm). In servizio per la Guardia di Finanza.
Durante il periodo in cui fu dislocato in Sicilia fu impiegato in dragaggio esplorativo ed esecutivo, pilotaggio e scorta di singole navi e di convogli nonché di scorta ai traghetti in servizio nello stretto di Messina. Eseguì in tutto 277 missioni di guerra, percorrendo 16.156 miglia nautiche e trascorrendo 2618 ore in mare.

Breve e parziale cronologia.

19 febbraio 1916
Impostazione nel Regio Cantiere Navale di Castellammare di Stabia (numero di costruzione 107).
27 agosto 1916
Varo nel Regio Cantiere Navale di Castellammare di Stabia.
1° gennaio 1917
Entrata in servizio per la Regia Marina.
1927
L’RD 4, insieme ad altri dieci rimorchiatori-dragamine (RD 11, RD 12, RD 18, RD 21, RD 25, RD 28, RD 36, RD 37, RD 42 e RD 43), viene temporaneamente concesso alla Regia Guardia di Finanza, venendo così armato da un equipaggio appartenente a tale corpo.
L’RD 4 e gli altri RD della Finanza vengono adibiti alla vigilanza in alto mare, ma al contempo seguiteranno a prendere parte ad esercitazioni e manovre militari, anche con la Squadra Navale (come nel 1932, quando due gruppi di dragamine partecipano alle manovre della Squadra Navale nel Mediterraneo centrale, fino a Tripoli, prendendo anche parte ad esercitazioni di cooperazione con le forze aeree). Questa collaborazione con la Marina – prevista dall’accordo per il passaggio dei dragamine alla Finanza – ha un impatto positivo sugli equipaggi, che sono così meglio addestrati.
L’RD 4 continuerà ad operare per la Guardia di Finanza, con equipaggio del suo “ramo mare”, sino alla perdita nel gennaio 1943. (Una fonte ne riporta la restituzione alla Regia Marina nel 1939, ma in realtà la nave operava ancora con equipaggio della Guardia di Finanza al momento della sua perdita).
19-21 settembre 1929
Il 19 settembre l’RD 4 lascia Pola insieme ai rimorchiatori militari Marittimo e Parenzo, ad alcune bettoline con quattro palombari ed ad un grosso pontone da 250 tonnellate, per tentare il recupero del sommergibile Giacinto Pullino, incagliatosi nel 1916 sulla costa dalmata (episodio che aveva causato la cattura e successiva esecuzione del suo pilota, il famoso irredentista Nazario Sauro) ed affondato poco dopo a 56 metri di profondità, ad un miglio e mezzo dall’isola della Galiola, a seguito del suo tentato recupero da parte della Marina austroungarica. L’operazione è organizzata e diretta dal generale del Genio Navale Ferruccio Boscaro. I palombari Culiat e Varesco trovano il relitto del Pullino e, lavorando per due ore in condizioni di grande difficoltà e pericolo, riescono ad imbragarne la prua e la poppa.
Alle 19.30 del 20 settembre inizia il sollevamento dello scafo del Pullino, che viene risollevato da 56 a 20 metri di profondità, come previsto, poi, dopo che la bandiera italiana è stata simbolicamente issata su di un’asta appositamente piantata sulla poppa del Pullino, alle 22.30 il convoglio si mette in navigazione alla volta di Pola (il Pullino deve restare a 20 metri sino all’ingresso in porto). Le navi, che procedono ad appena un nodo e mezzo, arrivano al largo del semaforo di Musil il 21 settembre sera, e qui vengono raggiunte da un motoscafo con il prefetto dell’Istria, Leone Leone, il capo di Stato Maggiore della base di Pola ed il commendator Attilio Boccabella. Il convoglio entra poi nella parte esterna del porto: non rimane che sollevare ancora il Pullino da 20 a 10 metri di profondità per permetterne l’ingresso nella parte interna del porto, ma un cavo si spezza ed il relitto del sommergibile scivola fuori dall’imbragatura, adagiandosi sul fondale a 30 metri. Il recupero verrà ripreso e completato solo due anni più tardi.
1939
Viene mobilitato.
10 giugno 1940
All’ingresso dell’Italia nella seconda guerra mondiale l’RD 4 si trova a Pola.
10-29 giugno 1940
Compie dragaggi quotidiani sulle rotte di sicurezza tra Pola ed Arsa.
30 giugno-6 luglio 1940
Compie dragaggi quotidiani sulle rotte di sicurezza tra Pola e Lussino.
12 luglio 1940
Esegue una missione antisommergibile.
13 luglio 1940
Svolge una seconda missione antisommergibile.
14 luglio-13 agosto 1940
Lascia Pola in serata e si trasferisce in Libia in quattro tappe, seguendo il percorso Ravenna-Ancona-Brindisi-Gallipoli-Capo Spartivento Calabro-Messina-Milazzo-Termini Imerese-Trapani-Pantelleria-Lampedusa.
13-29 agosto 1940
Dislocato a Tripoli, senza svolgere attività.
29 agosto 1940
Lascia Tripoli per trasferirsi a Bengasi.
3 settembre 1940
Arriva a Bengasi.
3-13 settembre 1940
Dislocato a Bengasi.
16 settembre 1940-5 gennaio 1941
Dislocato a Tobruk. Nei successivi 110 giorni svolgerà in tutto 52 missioni di dragaggio sulle rotte di sicurezza del settore Tobruk.
5 gennaio 1941
Lascia Tobruk per trasferirsi a Tripoli.
12 gennaio 1941
Arriva a Tripoli, dove resterà di base sino al 2 febbraio 1941 senza tuttavia effettuare alcuna attività.
2 febbraio 1941
Lascia Tripoli per tornare in Italia, trasferendosi a Trapani in due tappe; il mare mosso lo costringono però a fermarsi a Zuara per una settimana.
12 febbraio 1941
Provenendo da Zuara, giunge a Trapani.
12 febbraio-2 marzo 1941
Si trasferisce da Trapani a Messina con quattro tappe.
2 marzo-23 aprile 1941
Presta servizio con base a Messina.
24 aprile-7 maggio 1941
Si trasferisce da Messina a Lampedusa in quattro tappe.
7 maggio-18 giugno 1941
Dislocato a Lampedusa.
19 giugno-3 luglio 1941
Dislocato a Pantelleria.
6 luglio-6 settembre 1941
Presta servizio a Marsala, Palermo e Trapani.
7 settembre-1° dicembre 1941
Nuovamente dislocato a Pantelleria e Lampedusa.
22 settembre 1941
Soccorre dei naufraghi al largo di Lampedusa.
3-5 dicembre 1941
Sosta a Trapani durante il trasferimento verso Palermo.
6 dicembre 1941-10 febbraio 1942
Ha base a Palermo.
13 febbraio-9 maggio 1941
Dislocato ad Augusta, dove viene sottoposto a più di due mesi di lavori di riparazione.
9-18 maggio 1942
Si trasferisce da Augusta a Lampedusa facendo scalo a Messina, Trapani e Pantelleria.
18 maggio-11 giugno 1942
Presta a servizio a Lampedusa e Pantelleria.
12 giugno-1° luglio 1942
Dislocato a Trapani.
3 luglio-10 ottobre 1942
Presta servizio a Messina.
13 agosto 1942
Partecipa alle operazioni di soccorso dell’incrociatore pesante Bolzano, silurato dal sommergibile britannico Unbroken nelle acque delle Eolie (a nord di Messina) durante la grande battaglia aeronavale di Mezzo Agosto. Il Bolzano potrà essere portato a poggiare su bassifondali a Panarea.
11 ottobre 1942-1° dicembre 1942
Circumnaviga la Sicilia e viene trasferito da Messina a Termini Imerese, poi a Trapani, poi a Porto Empedocle, poi a Licata, poi ad August (il 14 ottobre, rimorchiando una motosilurante tedesca in avaria), poi di nuovo a Licata, quindi di nuovo a Porto Empedocle, poi a Mazara, poi a Marsala, quindi nuovamente a Trapani, poi a Favignana ed infine ancora a Trapani.
2 dicembre 1942
Lascia Trapani diretto in Tunisia.
4 dicembre 1942
Dopo un breve scalo a Zembra, arriva a La Goletta.
4-19 dicembre 1942
Dislocato a La Goletta, svolgendovi attività di dragaggio.
11 dicembre 1942
Va in soccorso al piroscafo Numidia, che si trova in difficoltà.
14 dicembre 1942
Durante la notte, mentre si trova ormeggiato, viene danneggiato da una bomba caduta in mare nelle sue vicinanze durante una pesante incursione aerea su Tunisi e La Goletta. L’esplosione apre una modesta via d’acqua, che può essere riparata in breve tempo.
19 dicembre 1942
Trasferito a Biserta: sarà la sua ultima base. Anche qui viene impiegato nel dragaggio.

L’affondamento

Alle 5.30 del 29 gennaio 1943 l’RD 4, al comando del maresciallo capo Salvatore Parente, prese il mare insieme al similare RD 55 (tenente di vascello Salvatore Leotta, caposquadriglia della Squadriglia cui appartenevano entrambi i dragamine) per effettuare un dragaggio a partire da un punto due miglia a nord dell’Isola dei Cani e verso il banco di Skerki, in modo da liberare dalle mine il settore d’avvicinamento alla rotta di sicurezza, essendo questo infestato, per sei miglia, dalle mine. Così l’ammiraglio comandante di Marina Biserta aveva ordinato a voce al tenente di vascello Leotta.
Alle 7.45 i due dragamine giunsero al traverso dell’Isola dei Cani, e tre quarti d’ora più tardi iniziarono la navigazione d’esplorazione su rotta 60°, mettendo in mare l’apparato per il dragaggio a sciabica.
Alle 10.20 fu l’RD 4 ad avvistare per primo una mina quasi affiorante, nel punto 37°33’ N e 10°29’45” E, segnalandola all’RD 55, che poco dopo si accorse di averne incocciata una nel proprio apparato; quest’ultimo tentò di issarla a bordo, ma lo sforzo fece rompere la sciabica, e la mina rimase sul ramo rotto dell’RD 4, che manovrò per portarla in affioramento. Alle 11.20 i due dragamine videro che un convoglio che avevano già avvistato in precedenza, in lontananza, era sotto attacco da parte di numerosi velivoli nemici. Leotta sull’RD 55 ordinò all’RD 4 di portare la velocità al massimo e tenersi pronto al posto di combattimento in caso di attacco nemico. L’accelerazione del moto dell’RD 4 fece rompere la sciabica: la mina rimase nel punto 37°33’30” N e 10°30’ E, ed il dragamine, non più gravato dall’ordigno, poté manovrare più liberamente.
Alle 11.27 una quindicina di bombardieri bimotori e quadrimotori, scortati da parecchi caccia, attaccarono anche i due dragamine: cinque bombardieri quadrimotori, volando in formazione a bassissima quota, si avvicinarono alle piccole unità italiane provenendo da poppa. L’RD 55 aprì il fuoco con cannone e mitragliere ed evitò le bombe con la manovra, ma alle 11.30 l’RD 4 fu raggiunto da una bomba che colpì nei pressi del centro, distruggendo il piccolo dragamine, i cui pezzi furono proiettati tutt’attorno in una densa colonna di fumo. Nel volgere di pochi attimi, l’RD 4 era affondato.
Mentre gli aerei, concluso l’attacco, si allontanavano verso Biserta, l’RD 55 si portò subito nel punto in cui era affondata la nave gemella, e ne trasse in salvo i sopravvissuti: erano 14, in maggioranza feriti (sette in modo grave), su 30 uomini che componevano l’equipaggio dell’RD 4.
Dopo essersi accertato che non vi fossero altri naufraghi in mare, alle 11.50 l’RD 55 rimise in moto per tornare a Biserta, dove si ormeggiò alle 15.20. I feriti, dopo aver già ricevuto tutte le cure disponibili durante la navigazione, furono trasbordati sui mezzi giunti alle 15.40 insieme al capitano di vascello Mengarini, capo di Stato Maggiore di Marina Tunisi, che diresse tale operazione: dapprima i sette feriti gravi e poi gli altri sette superstiti dell’RD 4, che furono trasportati nell’ospedale della città.
Dell’RD 4 risultarono dispersi 16 uomini, compresi il comandante Parente e tutti i graduati di coperta e di macchina.

Tra di essi:

Antonino Botto, finanziere m. r., 34 anni, da Catania
Giuseppe  Cannata, finanziere m. s., 33 anni, da Giardini (Messina)
Antonino Cumbo, brigadiere m., 34 anni, da Gela
Aldo Mainardi, brigadiere m., 43 anni, da Firenze
Carlo Michelini, finanziere m. r., 33 anni, da Pola
Primo Michieli, finanziere m. r., 36 anni, da Venezia
Catello Mirto, maresciallo ordinario m. t., 48 anni, da Castellammare di Stabia
Salvatore Parente, maresciallo capo (comandante), 40 anni, da Margherita di Savoia
Rosario Ragonese, finanziere m. r., 34 anni, da Catania

Si ringrazia il Museo Storico della Guardia di Finanza.


Nessun commento:

Posta un commento